Site menu:

Generi - Libri


Commenti recenti

Blogroll

 

Céline e il caso delle «Bagatelle»

ISBN: 9788876982392
Il prezzo attuale su IBSIl prezzo attuale su AmazonIl prezzo attuale su WebsterIl prezzo attuale su Lafeltrinelli.itIl prezzo attuale su LibrazioniIl prezzo attuale su DeastoreIl prezzo attuale su HoepliIl prezzo attuale su Abebooks

Riccardo De Benedetti

Céline e il caso delle «Bagatelle»

Riprovevole, infrequentabile, osceno, oltraggioso, infame, abietto e pornografo: sono solo alcuni degli aggettivi affibbiati al personaggio Céline, intellettuale collaborazionista e antisemita. Altro sarebbe lo scrittore Céline: grande penna, maestro di stile e autore di capolavori. Ha attraversato la storia della letteratura francese con la velocità e lo splendore di una meteora, Céline. E a 50 anni dalla morte suscita ancora scomuniche e censure, in particolare per i pamphlet, primo fra tutti Bagatelle per un massacro, nella cui scrittura continua a esserci lo scrittore di Viaggio al termine della notte e quello dell’ultimo romanzo, Rigodon. Oggi “Bagatelle” non si può leggere. Chi lo impedisce? E perché?

La storia di un libro “maledetto” e della sua traduzione italiana (che c’era e poi, a tre mesi dalla sua uscita, nel 1982 venne ritirata dalle librerie), è narrata e decostruita in questo saggio che tocca un nodo cruciale della storia critica dell’opera di Céline ma non solo: “Bagatelle”, infatti, rischia di essere un testo “ingombrate” e “presente” proprio in quanto libro proibito. Come “Mein Kampf”. Cartina di tornasole di reticenze e usi strumentali che la cultura postmoderna ha fatto della tragedia dell’antisemitismo e delle sue radici culturali, il pamphlet di Céline finisce per diventare il pretesto intorno al quale si giocano le partite più diverse. Questo saggio analizza e cerca risposte a domande decisive che non riguardano soltanto le opere di Céline…

Scrivi un commento