Site menu:

Generi - Libri


Commenti recenti

Blogroll

 

Il grande saccheggio. L’età del capitalismo distruttivo

ISBN: 9788842095187
Il prezzo attuale su IBSIl prezzo attuale su AmazonIl prezzo attuale su WebsterIl prezzo attuale su Lafeltrinelli.itIl prezzo attuale su LibrazioniIl prezzo attuale su DeastoreIl prezzo attuale su HoepliIl prezzo attuale su Abebooks

Piero Bevilacqua

Il grande saccheggio. L’età del capitalismo distruttivo

Dovrebbe apparire chiaro che non ci sarà ‘ripresa’ e che non è il caso di aspettarla. Godot non arriverà. Oggi dovrebbe apparire evidente una realtà elementare. Occorre travalicare i confini della cultura economica che ha generato la crisi, per comprendere che non si è verificato un semplice guasto. Non è una ammaccatura della carrozzeria. È il motore, il cuore della macchina, che è bloccato dalla ruggine e non ce la fa più.

Piero Bevilacqua non ha dubbi: la crisi esplosa nel 2008, e tuttora in corso, non è semplicemente il frutto di una speculazione finanziaria finita male per assenza di regole. È invece il segnale di “una crisi di sistema” che si esprime in una gigantesca disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza e in una organizzazione della società che non corrisponde più alle potenzialità produttive del capitalismo del nostro tempo. Pensare di “uscire dalla crisi” con la semplice regolamentazione dei mercati finanziari è un’illusione. Occorre riorganizzare interamente la società. L’immensa ricchezza che il capitale è oggi in grado di produrre, che potrebbe fornire benessere e libertà all’umanità intera, poggia su pilastri culturali e su un’architettura sociale ancora sostanzialmente ottocenteschi. I rapporti tra gli stati, gli orari di lavoro, i ritmi della vita quotidiana, l’organizzazione delle città, il nostro rapporto con la natura, tutto si regge ancora entro i vincoli e le culture della vecchia società industriale.

Scrivi un commento