Site menu:

Generi - Libri


Commenti recenti

Blogroll

 

La cucina del sacrificio in terra greca

ISBN: 9788833925929
Il prezzo attuale su IBSIl prezzo attuale su AmazonIl prezzo attuale su WebsterIl prezzo attuale su Lafeltrinelli.itIl prezzo attuale su LibrazioniIl prezzo attuale su DeastoreIl prezzo attuale su HoepliIl prezzo attuale su Abebooks

Marcel Detienne; Jean-Pierre Vernant

La cucina del sacrificio in terra greca

“La cucina è politica”. Non è uno slogan a ricalco di più note parole d’ordine. Anzi, rispetto ad esse può invocare a pieno titolo la primogenitura: dall’alba della nostra civiltà, e per una decina di secoli, un rituale che in terra greca aveva a che fare con l’alimentazione perimetrò addirittura i confini dell’umano, inscrivendosi nel cuore stesso dello spazio politico, ossia nella vita pulsante della polis. Si tratta del sacrificio cruento degli animali domestici - buoi, pecore, capre, maiali -, i soli commestibili per il bestiario di allora. Seconda la liturgia celebrata da un macellatore-cuoco-sacrificatore, di cui si sono conservate le sequenze nella pittura vascolare, dopo la cremazione aromatica delle ossa, parti imputrescibili della vittima riservate agli dèi, e l’arrostitura dei visceri destinati a una ristretta cerchia di officianti e dignitari, le carni bollite venivano distribuite equamente tra i commensali, i cittadini maschi unici detentori dei diritti politici. Entro questo codice cerimoniale che, con poche, significative eccezioni come le Tesmoforie, proibiva alle donne l’uccisione rituale e le relegava ai margini del pasto sacrificale, si consumava ogni atto pubblico di rilievo, tanto che si riteneva sufficiente, per fondare una colonia, portare con sé dalla madrepatria uno spiedo e un pentolone con il fuoco.

Scrivi un commento