Site menu:

Generi - Libri


Commenti recenti

Blogroll

 

Traditi, sottomessi, invasi

ISBN: 9788817098199
Il prezzo attuale su IBSIl prezzo attuale su AmazonIl prezzo attuale su WebsterIl prezzo attuale su Lafeltrinelli.itIl prezzo attuale su LibrazioniIl prezzo attuale su DeastoreIl prezzo attuale su HoepliIl prezzo attuale su Abebooks

Antonio Socci

Traditi, sottomessi, invasi. L’estinzione di un popolo senza figli, senza lavoro, senza futuro

Siamo di fronte a una prospettiva apocalittica: l’estinzione degli italiani, la loro sparizione dalla storia a causa di un crollo demografico che sta diventando irrimediabile. Intanto i nostri politici fischiettano con noncuranza, assorbiti dalla contesa delle poltrone, mentre lasciano che un fiume di migranti, di diversa cultura e religione, sbarchi e si insedi nella penisola e mentre, da tempo, hanno deliberato una cessione di poteri che fa venir meno l’indipendenza nazionale e la sovranità popolare. Con la sudditanza ai mercati finanziari, con la perdita di sovranità monetaria (per l’euro) e di sovranità politica (per l’Unione europea dopo Maastricht) si è assestato un durissimo colpo allo stato sociale e all’economia italiana e si riduce progressivamente lo stato nazionale a un fantasma. Nel quale infatti gli elettori e i cittadini percepiscono di contare sempre meno.

Antonio Socci compie un viaggio nella storia d’Italia mostrando che il tradimento delle élite e la “chiamata dello straniero” hanno “ferito” per molti secoli la nostra storia nazionale. Il popolo italiano ha sempre reagito esprimendo la sua straordinaria genialità, che ha illuminato il mondo in tutti i campi del sapere, della vita e dell’arte (e anche con i suoi santi). Soprattutto la nostra grande letteratura ha tenuto vivi l’identità nazionale e il grido di protesta per i tanti eserciti stranieri che hanno trasformato il “Bel Paese” nel loro campo di battaglia. In particolare ha tenuto desto il senso di appartenenza a una storia millenaria e a un’identità che affonda le sue radici nei popoli italici preromani e nella Roma classica e cristiana. Radici culturali e identità nazionale che oggi una pervasiva ideologia tenta di delegittimare, di offuscare o addirittura di negare. Questo libro è anche un’accorata dichiarazione d’amore all’Italia e un’esortazione a non accettare la sua liquidazione e il tramonto dell’Occidente.

Antonio Socci in “Ahi, serva Italia” affronta il tema dell’immigrazione e degli sbarchi da un punto di vista politico e assolutamente nazionalista. Per il giornalista e scrittore, sempre attento alle tematiche più calde e più scottanti dell’attualità, è uno scandalo la quantità di sbarchi che settimanalmente vedono arrivare nelle nostre coste centinaia e centinaia di clandestini. Chi permette tutto questo e perché? La domanda deve essere fatta per capire le forze politiche che permettono questo a discapito dei cittadini italiani che invece vengono vessati dalle tasse, dalle leggi e dai continui controlli. L’Italia ormai non esiste più per Socci perché il popolo è considerato solo una forza da spremere per ottenere soldi, senza essere valorizzato e considerato. Questo mentre molti immigrati vivono alle spalle dei cittadini italiani. In altri stati ciò non accade ed è incomprensibile che accada invece in un Paese con una storia millenaria alle spalle. Cosa possiamo fare per ribaltare la situazione e per essere considerati? Antonio Socci pone questioni scottanti e cerca di osservarle da diversi punti di vista. Al lettore viene offerta così la possibilità di ribellarsi, riprendendosi in mano le sorti della propria terra.

Scrivi un commento