Site menu:

Generi - Libri


Commenti recenti

Blogroll

 

Giovanni Pascoli

Giovanni PascoliGiovanni Pascoli (San Mauro di Romagna, 31 dicembre 1855 – Bologna, 6 aprile 1912) è stato un poeta italiano, una delle figure maggiori della letteratura italiana di fine Ottocento.

Pascoli, insieme a D’Annunzio, rappresenta, malgrado la sua matrice positivistica (ravvisabile nell’ossessiva precisione della nomeclatura botanica e ornitologica nei suoi versi), il maggior poeta decadente italiano. Dai principi letterari del poeta, esposti nel suo Fanciullino (1897), emerge una concezione essenzialmente socialista della società, un socialismo umanitario e utopico che misconosce ogni lotta di classe affidando alla poesia la missione di diffondere amore e fratellanza. Coerentemente al suo pensiero decadente, Pascoli manifesta tendenze spiritualistiche e idealistiche, tipiche della cultura di fine secolo segnata dal progressivo esaurirsi del positivismo. Gli stessi lutti familiari avranno modo di influenzare pesantemente, fino all’ossessione, il pensiero dell’autore: il matrimonio della sorella Ida nel 1895 verrà considerato un gesto di tradimento che lo porterà a serie reazioni depressive e patologiche.


Giovanni Pascoli
Paedagogium
Giovanni Pascoli
Il fanciullo musico. Poesie e poemetti
Giovanni Pascoli
Poesie
Giovanni Pascoli
Poesie e prose scelte
Giovanni Pascoli
Poesie
Giovanni Pascoli
Myricae
Giovanni Pascoli
Letture dell’antico
Giovanni Pascoli
Poemi conviviali
Giovanni Pascoli
Canti di Castelvecchio
Giovanni Pascoli
Primi poemetti
Giovanni Pascoli
Nuovi poemetti
Giovanni Pascoli
Tutte le poesie
Giovanni Pascoli
Poemi conviviali