Site menu:

Generi - Libri


Commenti recenti

Blogroll

 

Le radici pagane dell’Europa

ISBN: 9788849818680
Il prezzo attuale su IBSIl prezzo attuale su AmazonIl prezzo attuale su WebsterIl prezzo attuale su Lafeltrinelli.itIl prezzo attuale su LibrazioniIl prezzo attuale su DeastoreIl prezzo attuale su HoepliIl prezzo attuale su Abebooks

Luciano Pellicani

Le radici pagane dell’Europa

Per oltre mille anni, la fede nel Dio biblico è stata cosi determinante e onnipervasiva che Novalis poteva formulare la celebre endiadi Christenheit oder Europa. Per contro, ormai da tempo, il processo di secolarizzazione, connaturato alla Modernità occidentale, impedisce di continuare a considerare l’Europa non solo come la Cristianità, ma anche semplicemente come una Cristianità.

È accaduto che quella che Heine ha descritto come la guerra culturale fra Ebrei ed Elleni - la quale, a partire dal Rinascimento, ha lacerato le viscere intellettuali morali della società europea - si è conclusa con la vittoria di Atene su Gerusalemme. Ne è scaturita una civiltà che può senz’altro essere definita neopagana. In effetti, essa ha rivalutato l’homo naturalis e il saeculum, demonizzati dall’etica cristiana, e, in nome della sovranità della Ragione, ha altresì progressivamente ridotto lo spazio e l’influenza del Sacro. È per questo che, a coloro che oggi insistentemente invocano la restaurazione del primato della Fede quale unica possibile base morale della nostra civiltà, va ricordato quanto Dietrich Boenhoeffer ha riconosciuto, e cioè che l’Europa è diventata adulta grazie alla rivoluzione culturale operata dall’Illuminismo che ha sostituito il principio di eteronomia sotto forma di clericalismo con il libero esercizio della critica.

Scrivi un commento